Pubblicato da: pesciolinda | ottobre 23, 2011

Ciao campione

Non è facile iniziare un post di questo genere.

Le parole sono già state dette.

Esse verrano portate via con il tempo ma ciò che è

accaduto,il tuo ricordo,

rimarrà per sempre nei nostri cuori.

Il fatto:

Siamo durante la penultima gara del Mondiale di Moto GP,in Malesia.

Il titolo è già vinto da Casey Stoner. La partenza inizia senza incidenti.

Durante il secondo giro avviene l’incubo. Si vede il pilota Simoncelli perdere

la gestione della sua mota ed invece di cadere fuori pista,scivola nel centro.

Nella caduta gli vola via il casco e viene travolto dalla Yamaha di Edwards.

Il suo corpo rimane in mezzo alla pista.

Le sue condizioni sono apparse subito gravi.

I soccorsi sono arrivati immediatamenteperò prima che riuscisse

ad arrivare al centro medico del circuito era già in arresto cardiaco.

La causa della morte è stato l’investimento ed il pilota riportava il segno di una

ruota sul collo.

Il disastro si poteva evitare?

Questa è una domanda quasi impossibile da rispondere. Si sono scatenate

una serie di fatali coincidenze che se non fossero accadute non saremmo qui

a parlare di questo dramma.

Se il pilota si fosse lasciato scivolare anzichè rimanere attaccato alla moto si

sarebbe riuscito a salvare?

Simoncelli ha provato a rialzare la moto anzichè uscire dalla pista?

Se le gomme avessero tenuto l’attrito, il casco non fosse scappato e

l’elettronica non avesse fatto di tutto per tenerlo in sella sarebbe ancora qui?

Se Rossi non avesse chiuso la curva,Edwards sarebbe riuscito ad andare fuori

pista evitandolo cosi’?

Queste sono solo le parole,i commenti, ma il fatto è che Super Sic non sarà

piu’ mai piu’ con noi.

L’ultimo saluto:

Tutto il mondo dello sport si è succeduto nelle condoglianze e nello

sgommento generale. Secondo me il commento piu’ bello e quello piu’  è stato

quello del suo fraterno amico Valentino Rossi:

«Ti ricorderò come quello che a Monza, quando ti ho visto è sceso dalla

macchina ha tolto il casco e incazzato come una iena se n’è andato a piedi dopo

aver perso. Ti ricorderò come “quel bastardo di Sic” che stava diventando un

mostro. Ti ricorderò come l’amico pazzo di Vale, quello del primo mondiale

125 cc, quello che a inizio stagione lo volevano mettere nei casini perché “era

violento”. Ti ricorderò come il campione che sei sempre stato. Sei un grande e

ti porterò per sempre nel mio cuore».

Simoncelli è morto a 24 anni facendo ciò che amava, correre.

E’ sempre stato un giro davanti a tutti ma questa volta la sua vita ha girato

troppo in fretta.

Ciao campione!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: